chi siamo

Alberta, Kety e Rita

giovedì 13 giugno 2013

Sperdute in un'isola del Mediterraneo. Sardegna magnifica!!

Quattro giorni fra Gennargentu e Sovramonte e non solo, immerse in un antico paesaggio fatto di rocce, piante e animali. Un paesaggio forte, capace di emozionare, dove il senso di solitudine può essere profondo, tanto da far percepire interiormente la grandezza dell'universo. La flora della Sardegna conta circa 340 endemismi (e non poteva essere altrimenti dato il suo geologico isolamento!!) fra cui Ribes sandalioticum, Ophrys apifera (in sardo orchidea apiscedda), Cerastium supramontanum, Scrophularia trifoliata (Scrophularia di Sardegna, in sardo Urtiga maseda), Centaurea orrida, Arum pictum, Aquilegia nugorensis (Aquilegia del nuorese), tutte rigorosamente protette.
Ciò che ci ha colpito profondamente è la cura del territorio da parte dei suoi abitanti, il profondo senso di identità e appartenenza, che trascende dall'essere nati in un determinato territorio. Antiche tradizioni mantenute nel tempo, ripetute ogni anno da sempre e non solo per la gioia dei turisti.

Cerastium supramontanum
Rita seduta sulla foresta pietrificata di Martis

Ophrys apifera
Paeonia sarda